Banche: Abi, moratorie rate Pmi a quota 18 mld

Procedure-di-salvataggio-delle-bancheProseguono le iniziative delle banche italiane sulla sospensione delle rate o allungamento dei #finan­ziamenti alle Pmi,  Mettendo a disposizioni ingenti risorse per la fase di ripresa in corso. Tra ottobre 2013 e dicembre 2015 sono state accolte complessivamente 52.095 domande di sospen­sione del pagamento delle rate accolte per un controvalore complessivo di debito residuo pari a 18 miliardi di euro e una maggior liquidità a disposizione delle imprese di 2,2 miliardi di euro. Inoltre, sono state accolte circa 9.118 domande di allungamento del piano di ammortamento pari a 2,4 miliardi di euro di debito residuo. Questo il risultato del #monitoraggio – comunica Abi – che considera i risultati in corso dell‘Accordo per il #credito 2015, iniziativa siglata il 31 marzo 2015 con tutte le altre Associazioni di Impresa e in vigore fino al 31 dicembre 2017, con il precedente ‘Accordo per il credito 2013’.

L’analisi relativa alla distribuzione delle domande per attività economica dell’impresa richiedente evidenzia che:

il 25,7% è riferito ad imprese del settore “commercio e alberghiero”;

il 14,4% è riferito ad imprese del settore “industria”;

il 18,9% è riferito ad imprese del settore “edilizia e opere pubbliche”;

l’8,4% è riferito ad imprese del settore “artigianato”;

il 6,5% è riferito ad imprese del settore “agricoltura”;

il restante 26,1% agli “altri servizi”.

L’Abi ricorda che il nuovo Accordo per il Credito 2015 consente di sospendere anche i finanziamen­ti che hanno già beneficiato di tale strumento negli anni passati, con la sola esclusione di quelli per i quali la sospensione è stata richiesta nei 24 mesi precedenti.

Rate this post

(Visited 52 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento