Liti condominiali, rischio caos

giudiceSulle liti condominiali, la Confedilizia chiede che la Camera corregga l’errore del Senato. La sottra­zione alla magistratura togata, con attribuzione ai giudici di pace, di tutte le cause in materia di con­dominio creerebbe le condizioni per un aumento esponenziale del contenzioso in sede di impugnaz­ione. E’ quanto evidenzia Confedilizia dopo l’approvazione, in prima lettura da parte del Sena­to, del disegno di legge governativo sulla riforma della magistratura onoraria. Come è stato fatto rilevare da diversi esponenti parlamentari, le controversie in una materia in conti­nua evoluzione come quella condominiale – per di più recentemente riformata – sono particolar­mente delicate, poiché interessano diritti fondamentali delle persone e, spesso, questioni economi­che di rilevante entità. Sono, inoltre, frequentemente caratterizzate da notevole complessità giuridi­ca, come dimostra il fatto che molte cause, specie negli ultimi anni, hanno dovuto essere risolte dal­le Sezioni Unite della Corte di Cassazione. http://www.quotidianocondominio.ilsole24ore.com/

Peraltro – sottolinea Confedilizia – lo stesso testo appena approvato dal Senato, manifesta evidente incoerenza laddove prevede che per le controversie nelle altre materie considerate (tra cui, ad esem­pio, la materia dei diritti reali) l’attribuzione alla competenza del giudice di pace sia limitata a quel­le che non presentino “complessità quanto ad attività istruttoria e decisoria”, mentre per le contro­versie in materia condominiale – e solo per queste – l’attribuzione della competenza al giudice di pace sarebbe invece (e non si comprende perché mai) assoluta ed integrale. Confedilizia auspica che la Camera dei deputati – che dovrà esaminare il testo approvato dal Senato – voglia porre rimedio all’errore compiuto, così garantendo che in una materia, come quella condo­miniale, che riguarda la stragrande maggioranza degli italiani, sia assicurata una tutela giurisdizio­nale adeguata. Dunque, se dovesse passare alla Camera l’articolato votato dal Senato,ancora una volta la casa rischierebbe altre vessazioni, oltre quelle già in atto, con tutta la serie di tasse di cui è bersaglio da parte dello Stato, e che ha causato negli ultimi anni la fuga dagli immobili, sia in termi­ni di acquisti che di prezzi.

Rate this post

(Visited 87 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento