Olio, latte, carne: tutti gli scandali UE

p.reggiano-2-670x469Vi sono già dei prodotti in agricoltura– come la carne bovina e l’olio di oliva – dei quali i consuma­tori europei già possono sapere l’origine perché la normativa europea obbliga a tale indicazione. Questa normativa va estesa quanto prima a carne e latte trasformati”. Lo sottolinea Confagricoltura mentre ferve il dibattito a Bruxelles in materia di etichettatura  obbligatoria all’origine. Parigi avrebbe già avuto dalla Commissione europea un sì di principio ad applicare una indicazione obbli­gatoria dell’origine su questi prodotti e starebbe studiando le modalità applicative. E’ un passo im­portante – dichiara Confagricoltura – ma è anche importante che il governo italiano intervenga per dare il proprio contributo propositivo ed evitare che vi possono essere distorsioni di concorrenza. Se ci deve essere un obbligo di etichettatura di origine questo deve riguardare tutti i Paesi membri e non solo uno di essi.” Il 21 Marzo p.v., poi, in Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo, è attesa una risoluzione che chieda alla Commissione di riconsi­derare l’etichettatura del paese d’origine per il latte da consumo ed i prodotti di latte e carne “leg­germente trasformati” (per i prodotti di latte, formaggio, creme di latte; per i prodotti di carne, ba­con e salsicce). “Seguiremo con attenzione – sottolinea Confagricoltura –  la discussione ed auspi­chiamo che emerga un orientamento politico a favore della necessità di un’etichettatura obbligatoria dei prodotti trasformati, che garantirebbero produttori e consumatori. Ci auguriamo che i nostri eu­roparlamentari ed il governo italiano si impegnino attivamente in tal senso, in una materia fonda­mentale per il nostro made in Italy e le nostre imprese agricole, in particolare quelle zootecniche”. Nel frattempo contro il provvedimento di una maggiore quota import di olio extravergine tunisino, si è mobilitato l’intero settore agricolo. “Il Parlamento Europeo approva una norma assolutamente sbagliata. E” impensabile pensare di aumentare di 35 mila tonnellate l’anno, l’ingresso di olio dalla Tunisia a dazio zero”, ha detto il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, a margine della mo­bilitazione degli agricoltori del Sud Italia. “Proprio nell’anno in cui – ha aggiunto Moncalvo – c’è stato un record di aumento delle importazioni dalla Tunisia. Questa norma non aiuta i produttori tu­nisini, fa male a quelli italiani e rischia di aumentare le frodi e i danni per i consumatori”. L’eliminazione di dazi su 35mila tonnellate in più di olio tunisino vale per il 2016 e per il 2017. Lo scorso 25 febbraio, con l’introduzione di alcune modifiche, la palla era passata al Consiglio Ue, ac­cendendo le speranze su nuovi negoziati. Ieri invece c’è stata la ‘doccia fredda’: una lettera della pre­sidenza di turno olandese dei 28 ha dato il via libera degli Stati membri – inclusa l’Italia – al nuovo testo, ha accelerato a sorpresa i tempi e spinto l’Assemblea di Strasburgo a cambiare l’ordine del giorno per inserire il voto del provvedimento in agenda. Tre le ‘migliorie’ incassate dagli euro depu­tati italiani: l’obbligo di tracciabilità del prodotto tunisino, il divieto di proroga oltre i due anni pre­visti e una valutazione a medio termine dell’esecutivo Ue, per verificare eventuali danni ai produtto­ri europei. “Con la strategia del Pd abbiamo guadagnato tempo e tre condizioni”, ha spiegato Paolo De Castro (Pd), coordinatore per il gruppo dei socialisti e democratici della commissione Agricoltu­ra dell’Europarlamento, che annuncia l’impegno assunto dal capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini, “di lavorare per la suddivisione mensile del contingente extra, quando la Commissione europea si occuperà del regolamento attuativo”

Rate this post

(Visited 140 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento