Arabia Saudita, Usa e AlQaeda a braccetto in 9/11

arabia-saudita-usa-alqaeda-braccetto-911

castronibanner728x90Arabia Saudita, Usa e Al Qaeda. Ventotto pagine segrete di un rapporto rinchiusi in una stanza nel Campidoglio di Washington si trovano al centro di una crisi tra Stati Uniti e Arabia Saudita che rischia di avere pesanti ripercussioni. Il Congresso degli Stati Uniti sta considerando di approvare una legge che consenta alle famiglie delle vittime degli attacchi dell’11 settembre di citare in giudizio l’Arabia Saudita, presentato dall’Occidente come il suo più prezioso alleato in Medio Oriente, su presunti legami con i terroristi di al-Qaeda che effettuarono gli attacchi su New York e Washington. Vi è un crescente clamore insieme alle accuse circa i tentativi da parte dei sauditi di mantenere secretato il loro presunto ruolo negli attentati. Le accuse di coinvolgimento saudita negli attentati provengono dall’area vicina a gruppi islamici violenti finanziati dal regime ultra-conservatore. La questione ha gettato una lunga ombra sulla recente visita del presidente Barack Obama a Riad, con i sauditi che minacciano di vendere $ 750 miliardi di asset se il disegno di legge verrà approvato dal Congresso.

Le pagine sono in un file intitolato “Alla ricerca, di riflessione e narrazione per quanto concerne talune questioni sensibili”, che non sono mai state pubblicate dai risultati della Joint Congressional l’inchiesta sugli attacchi che uccisero 3.000 persone e ne ferirono più di 6.000. L’ex presidente George W. Bush sostiene con forza che la pubblicazione di questa parte della relazione danneggerebbe la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, rivelando “fonti e metodi che renderebbero più difficile vincere la guerra al terrore”. L’ultimo personaggio pubblico alla domanda divulgazione era Rudi Giuliani, il sindaco di New York al momento degli attacchi. Un principe saudita, ha affermato il sig Giuliani, gli consegnò un assegno di $ 10m (£ 7m), nel tentativo di convincerlo a distogliere l’attenzione. L’ex sindaco ha dichiarato: “Si può tenere il suo denaro e bruciare all’inferno. Il popolo americano ha bisogno di sapere esattamente qual è stato il ruolo del governo Saudita negli attacchi: abbiamo il diritto di sapere chi ha ucciso i nostri cari”. E ‘stato riferito che i funzionari della Casa Bianca renderanno di dominio pubblico, almeno alcune delle 28 pagine.

9-11E l’ex senatore democratico Bob Graham, ex capo del comitato di intelligence del Senato, ha ribadito la sua convinzione che l’Arabia Saudita fu coinvolta negli attacchi al più alto livello. Ha detto: “La cosa più importante domanda senza risposta di 9/11 è: queste 19 persone poterono condurre questa trama molto sofisticata da soli, o furono supportati? Allora, chi era il soggetto più probabile che fornì loro tutto il supporto necessario e ove andare a scovare le prove? in Arabia Saudita. credo che copre una vasta gamma, dai più alti ranghi del Regno attraverso questi, quello che sarebbe soggetti privati”. Stephen Lynch, un democratico del Massachusetts, ha dichiarato che il rapporto offre prove dei legami tra “alcuni individui sauditi” e i terroristi dietro gli attentati del 2001. Walter Jones, un repubblicano, ha detto che getta luce anche sul motivo per cui il presidente Bush è stato così contrario alla pubblicazione: “Si tratta dell’amministrazione Bush e il suo rapporto con i sauditi.” Le accuse di coinvolgimento saudita negli attentati provengono in un contesto di finanziamento a gruppi islamici violenti del regno ultra-conservatore, spesso con l’incoraggiamento e l’appoggio dell’Occidente. Questo continua ora con accuse che i sauditi hanno fornito denaro e armi all’ala più estrema dei ribelli che combattono il regime di Bashar al-Assad in Siria . L’attuale ciclo di esportazione della dottrina sunnita in Arabia Saudita è fatta risalire al 1992, quando alti prelati Wahaabi del paese scrissero un memorandum di suggerimenti per la famiglia reale, minacciando di attuare un colpo di stato a meno che non fossero stati autorizzati a svolgere un ruolo di primo piano nella politica sia interna che estera del Regno. I tentativi di corruzione contro il principe saudita sono venuti il giorno dopo che è stato rivelato che il certificato di volo di un attentatore al-Qaeda di nome Ghassan Al-Sharbi, che aveva preso lezioni di volo per la missione l’11 settembre. Il certificato, assieme ad altri documenti venne rinvenuto nei pressi dell’ambasciata saudita, durante le indagini dopo la sua cattura nel 2002 in Pakistan. Al-Sharbi, che non prese parte agli attacchi dell’11 settembre, è detenuto a Guantanamo Bay. Una nota ufficiale sulla licenza, chiamata Document 17, redatta nel 2003, è stato tranquillamente declassificato lo scorso anno, ma è stata posta all’attenzione dell’opinione pubblica solo quando un attivista, Brian McGlinchey, l’ha pubblicata nel suo blog la scorsa settimana. È emerso anche una connessione, tra le delegazioni del Regno in America per due sauditi, Nawaf al-Hamzi e Khalid al-Mindhar, che giunsero negli Stati Uniti nel 2000 come parte della prima ondata di dirottatori dell’11 settembre. I due uomini furono nascosti in un appartamento a San Diego da Omar al-Bayoumi, un collega saudita, che procurò loro documenti d’identità e informazioni sui corsi di volo. Ci sono state segnalazioni che anche lui li ha introdotti ad un imam, Anwar al-Awlaki, che in seguito divenne noto come il “Bin Laden di Internet” ucciso in un attacco drone americano in Yemen. Al-Bayoumi ricevette un finanziamento dal governo saudita per il suo soggiorno negli Stati Uniti attraverso una società di servizi dell’ aviazione saudita denominata Dallah Alco. Era inserito nello schedario dell’Fbi prima degli attacchi dell’11 settembre come un agente saudita (cosa che le autorità del Regno negano) e fu un frequente visitatore all’ambasciata di Washington del Regno e consolato a Los Angeles.

Al-Bayoumi conosciuto alle forze d’Intelligence americana, ebbe un incontro di un’ora con Fahad al-Thumairy, un funzionario del ministero degli Affari islamici, che descrisse essere il suo mentore spirituale al consolato saudita di Los Angeles, lo stesso giorno in cui aveva incontrato al-Hamzi e al-Mindhar. Due anni dopo, al-Thumairy fu privato della sua immunità diplomatica, ed espulso dagli Stati Uniti a causa di presunti legami terroristici. Il rapporto offre le prove di legami tra alcuni individui sauditi e i terroristi dietro gli attentati del 2001 (Getty) Osama Basnan, un altro saudita a San Diego, che all’epoca trascorse del tempo con i dirottatori, al-Hamzi e al-Mihdhar. Basnan ricevette circa $ 75.000 dalla principessa Haifa bin Sultan, la moglie del principe Bandar bin Sultan, ambasciatore saudita negli Stati Uniti. Il denaro fu assegnato per le cure mediche della moglie di Basnan. Una parte della somma andò a Al-Bayoumi. Basnan fu arrestato per falsificazione del visto nel mese di agosto 2002 ed estradato due mesi dopo in Arabia Saudita. I sostenitori della colpevolezza saudita sostengono che parte del denaro della Principessa Haifa venne utilizzato per il mantenimento dei due dirottatori a San Diego. L’FBI smentisce con forza e sostiene che non sussiste alcuna prova.

Rate this post

(Visited 235 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento