Fatture consumi energia, dov’è la frode?

fatture-consumi-energia-la-frode

1339053656Fatture elettriche, più di qualcosa non quadra. Partiamo dalla realtà dei fatti o meglio dire irrealtà: le bollette sui consumi. Il costo per l’elettricità pro capite parte mediamente da 90-100 euro a bimestre, pian piano incrementa, fino a raggiungere quota 140, per poi sfiorare addirittura i 200 euro. L’abitazione è la stessa, unico inquilino. Come è possibile? Un gioco illusionistico? Nella fat­turazione da 200 euro (da Gennaio è stata semplificata) i consumi di elettrici­tà pesano per 68 euro (contro precedenti decisamente inferiori), mentre il rad­doppio dell’importo è dovuto alla voce fornitura e gestione del contatore. Poi ci sono altri addebiti, 28 euro per gli oneri del sistema, che appare un vocabo­lo sconcio, e forse lo è, più 2 euro di spedizione lettera e 2 euro per il bolletti­no postale allegato. Infine, dulcis in fundo il guazzetto dell’Iva: 36 euro, et voi­là la pietanza è servita fredda. A codesto punto ci si interroga su quanto pos­sa giungere a pagare un nucleo familiare composto da quattro persone. Se questo computo proporzionale fosse esatto, oltre 400 euro a bimestre, una stoltezza tutta italiana.

L’Autorità per l’energia elettrica, gas e sistema idraulico, rileva che sarebbe opportuno controllare il contatore ed i valori di consumo erogati, per poter far comparazione con le richieste avanzate, e altresì segnala, che il sistema di semplificazione della bolletta è già in atto, ma andrà a regime solo fra tre anni. Per le famiglie, il costo fisso del servizio, aumenterà con la crescita del consumo. Tal prezzo, però, non è stato ancora stato stabilito entrerà in vigo­re. Le società energetiche avranno così, tutto il tempo di poter lucrare a loro piacimento, e al contempo aver mossa di poter escogitare altri trucchi per elu­dere la normativa. C’è anche da chiedersi quanti siano in grado di saper ben decifrare la lettura del contatore per contestare i consumi esibiti dal fornitore. Potrebbe persino accadere, ed accade, che un eventuale conguaglio venga inserito in bolletta nel bimestre successivo, senza far bella mostra di sé. Si dirà che non è vero, ma allora come si spiegano le forti impennate di consu­mo, quando non vi sono motivazioni valide? Allora che fare? Opposizione con un avvocato? I costi salirebbero ancora. Alla fine, tutti giù la testa, per il sol­lazzo delle società di erogazione.  

di Roberto Casalena

Fatture consumi energia, dov’è la frode?
3 (60%) 1 vote

(Visited 776 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento