Berlusconi e le grandi manovre: dal Nazareno al nulla

berlusconi-le-grandi-manovre

berlusconiparisiBerlusconi e le grandi manovre: dal Nazareno al nulla. Silvio Berlusconi forse non lo sa, ma ormai è destinato a prender voti, non di castità, solo dai Cocoon. Gira che ti rigira, sulla ruota di Arcore è uscito Parisi, con un compito ben delineato: far lievitare la fascia di moderati, e partorire la nuova aggregazione centrista. Ma cosa vuol dire oggi esser centristi, senza ne idee, ne programmi? La verità? FI teme il risucchio dalla Lega che già fa la cerbiatta a Le Pen, e con a capo il sempre vulcanico Salvini, già sottobraccio alla Meloni. Eureka! Ecco allora Silvio come novello Archimede: barra a dritta destinazione Centro. Già perché se si apporteranno modifiche all’Italicum, come tutto lascia presagire, si apriranno le danze a suon di waltzer con inciuci orizzontali e trasversali. Lapailissiano, se l’Italicum resterà così com’è, il braccio di ferro finale sarà senza ombra tra Pd e M5S, ma anche qui c’é tempo soprattutto per valutare l’operato di Chiara Appendino e Virginia Raggi, le neosindaco dai poteri davvero “speciali”. D’altronde finanche Grillo, aveva sostenuto, all’alba delle recenti consultazioni amministrative, che una vittoria a Roma sarebbe stata il Rubicone al governo del paese. Ora occorrerà attendere che si vada alle urne, a scadenza fisiologica ovvero nel 2018, talché nessuno mostra disegno di mollare gli scranni prima del dovuto, il richiamo delle sirene, tanto per fare un esempio, della lauta e agognata pensione. Nel frattempo ci sarà l’abituale cin cin per brindare al rammendo di una sbrindellata destra, mentre il Movimento 5 Stelle continuerà la sua corsa solitaria investendo anima e core, nella titanica impresa di scardinare il vetusto ma oliato sistema corrotto, e dai programmi a vista, per raggiungere il traguardo posto a Palazzo Chigi. Ognuno, intanto, se ne sta pensieroso sotto al Colle, cercando di recar borraccia al proprio mulino incurante degli altri, ad iniziare dal premier Matteo Renzi.

Rate this post

(Visited 109 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento