Premier Renzi solo due chance: Eurexit o subito dimissioni

premier-renzi-eurexit-o-dimissioni

renzi-matteo-primo-ministroPremier Renzi ha solo due vie da percorrere, uscire dall’Euro o di­mettersi. Borse a picco martedì 2 Agosto. Mps perde il 16%, le Po­polari tra il 12-10%, mentre l’altra sorvegliata speciale, Unicredit, il 7,6%. Meglio Intesa che ha lasciato sul tappeto il 3,8%. Se Atene piange, Sparta non ride, anche le banche europee hanno ceduto il passo, ma a perdite contenute. L’analisi sui perché l’abbiamo fatta in un articolo pubblicato Lunedì scorso. Nella giornata del 3 Ago­sto, le banche a Piazza Affari hanno tentato il recupero, ed a metà mattinata Mps segnava un +2% ed Unicredit il 3%, per poi calare rispettivamente a +1,31% ed 1,68%, mentre Intesa ha guadagnato lo 0,22%. Presa visione, la situazione è grave e non è più il momen­to di esitazioni; o si mostrano i muscoli alla Merkel, e a chi vuole ri­durci a colonia governata dai paesi forti, oppure occorre uscire d’impatto dalla moneta unica. Referendum ed Italicum sono falsi problemi, per gettare fumo negli occhi. L’Italia resta un paese inges­sato da lungaggini burocratiche, e magistratura lumaca. Troppi arre­sti domiciliari, mentre evasione fiscale e corruzione restano i veri padroni. Ed il PD cosa fa? Niente di meglio che accusare la neo sindaca Raggi di quisquilie che nulla hanno a che vedere con la po­litica nazionale, dimenticando, altresì, il perpetuo saccheggio di Roma da parte di tutte le precedenti amministrazioni. Il Governo, premier in testa, dovrebbero premere l’acceleratore, oppure la de­stinazione finale saranno le dimissioni coatte. Oggi, intanto, le ban­che sono rimaste al palo, con margini di guadagno irrisori, mentre il Governatore di Bankitalia, Visco, ha avuto ardire di sottolineare che i rischi per le banche non esistono, eccettuato Mps, su cui si sta provvedendo. I rischi per il sistema sono sovrastimati dai mercati. La risposta al Governatore giunge da Luigi Gingales, economista della University of Chicago, il quale sostiene che il problema delle banche italiane non può essere gestito caso per caso, ma “va risol­to in modo definitivo”. Come?. Con l’intervento dello Stato, con au­menti di capitale tra i 40-50 miliardi.

Rate this post

(Visited 255 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento