Intramoenia: malati costretti a pagare in ospedali e Asl. Lorenzin approva

intramoenia-malati-costretti-pagare

ospedaleIntramoenia. Con la benedizione della Ministra Lorenzin si sta abituando i cittadini a considerare l’intramoenia, e il privato come normali canali di accesso alle prestazioni di cui si ha bisogno, per sopperire ad inefficienze e squilibri del nostro Servizio Sanitario Nazionale, come liste di attesa mal governate, anche in oncologia; ticket persino più alti del costo della prestazione in privato; o ricorso all’intramoenia anche per le analisi del sangue. L’intramoenia è purtroppo sempre più spesso prospettata ai cittadini come “chiave per l’accesso al SSN”, altro che strumento per la libera scelta del cittadino! Le sue interferenze nel canale istituzionale, riguardo ai tempi di attesa e alla trasparenza delle prenotazioni, ne fanno una delle aree di rischio corruzione in sanità” tanto da essere affrontate nel dettaglio all’interno dell’ultimo

Piano anticorruzione 2015 approvato dall’ANAC, che dà raccomandazioni specifiche per evitare comportamenti opportunistici a svantaggio dei cittadini. È urgente che le istituzioni se ne occupino subito e basterebbe iniziare da quattro interventi: approvazione di una norma nazionale che preveda l’obbligo di sospensione automatica dell’attività intramoenia, da parte di regioni e ASL, quando i suoi tempi di attesa prospettati ai cittadini siano inferiori a quelli del canale istituzionale; verifica costante del rispetto sostanziale della normativa che già regola abbondantemente l’intramoenia come la legge 120 del 2007, ancora troppo disattesa; approvazione di un nuovo Piano Nazionale per il governo dei tempi di attesa, scaduto ormai da oltre 3 anni, prendendo a riferimento la buona pratica della Regione Emilia Romagna con il suo Piano regionale sulle liste di attesa; l’implementazione sostanziale delle raccomandazioni ANAC e verifica periodica. Queste sono solo alcune delle azioni che le istituzioni dovrebbero mettere in campo per poter dire di essere impegnate nella tutela di un Servizio Sanitario Pubblico, universale, equo e solidale. Nel deprimente panorama spicca la scarsa professionalità dei medici, innanzi quelli di base, i quali troppo spesso non si assumono nessuna responsabilità, nell’azzardare una benché minima diagnosi, contribuendo allo scriteriato sovrannumero di analisi, esami, e visite specialistiche.

Rate this post

(Visited 155 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento