Immigrazione. Bilderberg e Boldrini: il piano “Grande Sostituzione”

maxresdefaultImmigrazione. Laura Boldrini, è l’emblema delle tipiche caratteristiche della classe dirigente italiana: non ha mai vinto nessun concorso ma è sempre stata poltronata, e super-stipendiata nelle istituzioni pubbliche al fine di farsi manovrare dai poteri forti ed essere mansueta, inginocchiata ai disegni di elite e poteri sovranazionali. E adesso continua…furba. Ha finalmente svelato che cosa si nasconde dietro la retorica buonista sull’immigrazione. Perché la Boldrini ci tiene tanto che l’Europa accolga i migranti? Ha dichiarato che l’integrazione degli stranieri è la cosa più bella del mondo. “L’Italia è un Paese a crescita zero. Per avere 66 milioni di abitanti nel 2055 dovremo accogliere un congruo numero di immigranti ogni anno”. Questo vuol dire 15 milioni di migranti entro il 2055, cioè 300-400 mila ogni anno. In Italia non si fanno più figli ma non leggi per sostenere le famiglie. Questa non è accoglienza, ha un altro nome, e si chiama Grande Sostituzione. E’ una teoria molto diffusa tra le elite europee. Il primo a metterla nero su bianco è stato il politico austriaco Kalergy in un libro del 1923 intitolato Paneuropa. Kalergy voleva creare una Europa unita in cui non ci fosse più nessuna differenza tra gli individui. Si trattava di creare un popolo senza cultura e senza identità, pronto a farsi dominare dalla elite. E come si fa a creare l’uomo senza identità? Facile, si sradicano gli individui, li si costringe a lasciare il proprio Paese, per spostarsi altrove. È ciò che sta accadendo, dove loro. gli immigrati, nella maggior parte dei casi, vengono a fare gli schiavi, mentre noi diventiamo più poveri. Finchè un giorno i poveri italiani e i poveri stranieri saranno tutti uguali, senza radici, senza cultura, tutti sottomessi alla dittatura finanziaria. A questo punto, ci sarebbe da interrogarsi se anche Papa Francesco,  non sia stato eletto sotto l’egida dei poteri finanziari che dominano il mondo, per far leva sui valori cristiani e favorire la finta accoglienza e l’immigrazione selvaggia.. Tanto per intenderci, gruppi come Bilderberg, o Goldman Sachs, alle cui riunioni, la libera stampa, e politici hanno divieto d’accesso, e da cui provengono numerosi esponenti dell’aristocrazia finanziaria italiana, come Mario Draghi e Monti.

Immigrazione. Bilderberg e Boldrini: il piano “Grande Sostituzione”
3 (60%) 2 votes

(Visited 1.074 times, 22 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento