Forti “pressioni” sulla Consulta per bocciare il referendum sull’Articolo 18

Forti pressioni, una “guerra” senza esclusione di colpi. Su una questione caldissima come l’ammissibilità del referendum della Cgil sull’articolo 18. E la Corte si divide tra Sciarra e Amato proprio come avvenne ad aprile del 2015, quando i giudici furono chiamati ad esprimersi sul ricorso contro il prelievo governativo sulle pensioni. Anche allora Silvana Sciarra, scelta da Renzi e votata dal Parlamento nel 2014, si scontrò con Amato. Era relatrice sulle pensioni, proprio come oggi sull’articolo 18, e la spuntò grazie al voto determinante dell’allora presidente Alessandro Criscuolo. Stavolta la battaglia è difficile. Prova ne è che lo stesso governo ha deciso di dare mandato all’Avvocatura dello Stato di rappresentarlo e di difendere il Jobs Act. E lo ha fatto dopo giorni di incertezza, nei quali il ministro del Lavoro Poletti ha insistito per costituirsi mentre palazzo Chigi continuava a reagire con freddezza. Adesso il difficile compito di tutelare e salvare il Jobs Act spetterà al vice avvocato generale Vincenzo Nunziata, giusto lo stesso che ha sulle spalle la difesa dell’Italicum il 24 gennaio. Per l’Avvocatura il quesito della Cgil è palesemente inammissibile perché non mira solo ad abrogare l’articolo 18 nella versione Poletti-Fornero, ma va oltre e crea una norma del tutto nuova, anche rispetto alla vecchia legge del ‘70, lo Statuto dei lavoratori, norma per cui è possibile dribblare il licenziamento anche per le aziende da 5 dipendenti in su. È la tesi sostenuta il 16 dicembre su Repubblica da Pietro Ichino, ma anche da esperti come Tiziano Treu e Giuliano Cazzola. Sicuramente è la tesi che Nunziata, per conto del governo, sosterrà alla Consulta. Bisognerà aspettare il 5 gennaio per poter leggere le argomentazioni ufficiali dell’Avvocatura, ma stando alle indiscrezioni che trapelano dai colloqui con palazzo Chigi la linea è già tracciata. Un referendum spurio quello della Cgil – sarà la linea – non solo abrogativo, ma di fatto propositivo e manipolativo. Quindi da bocciare. Non è un mistero che la pensi proprio così Giuliano Amato, in queste ore a caccia di consensi alla Corte per sconfiggere la “nemica” Sciarra, intenzionata invece a dichiarare ammissibile il quesito della Cgil nella sua integrità o quanto meno escludendo solo le righe che riguardano il reintegro dei lavoratori licenziati nelle piccolissime imprese. Altri osservano che il referendum proporrebbe una pluralità di quesiti. Anche questo argomento è infondato, dato che i quesiti, pur riferendosi a una molteplicità di fonti di disciplina, convergono unitariamente su una domanda univoca: l’abrogazione della libera licenziabilità e il ripristino della tutela reintegratoria per i licenziamenti ingiustificati. La tesi più insidiosa consiste nell’affermare che il quesito referendario introdurrebbe una disciplina “nuova”, e che sarebbe per questo – appunto – “inammissibile”. La novità consisterebbe nel fatto che abrogando parti di precedenti discipline verrebbe reintrodotto il diritto alla reintegrazione in caso di licenziamenti ingiustificati per tutte le imprese con più di 5 dipendenti. La tesi è davvero capziosa. E’ facile infatti osservare che ogni referendum abrogativo di per sé introduce una disciplina “nuova”.

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento