Mattarella gela le urne. Renzi burattinaio. Governo fotocopia. Boschi verso conferma

Dopo tre giorni di consultazioni, Sergio Mattarella rinvia le urne a dopo la sentenza della Consulta: si voterà presto, ma non immediatamente. “Questo Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nel pieno delle sue funzioni”, ha detto il Capo dello Stato, “Ci sono adempimenti e scadenze di carattere interno e internazionale che vanno rispettate. Ma è emersa come prioritaria un’esigenza generale di armonizzazione delle due leggi per le elezioni delle due Camere come condizione indispensabile per andare al voto”. Il discorso di Sergio Mattarella a conclusione delle consultazioni. “Mi auguro che il clima politico possa articolarsi e svolgersi in modo dialettico, come è naturale e costruttivo”, ha continuato Mattarella, richiamando tutte le forze politiche alla responsabilità, “Tra i punti in primo piano c’è il sostegno alle popolazione terremotate e la ricostruzioni dei loro territori”. Nel frattempo, mentre era in corso l’ultimo giro di consultazioni al Quirinale, a Palazzo Chigi invece sono arrivati sia il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan sia quello dei Beni culturali, Dario Franceschini. Entrambi a colloquio con Matteo Renzi. Già ieri Paolo Gentiloni si era recato a Palazzo Chigi per ben due volte. Queste consultazioni “parallele” rappresentano una sorta di invasione di campo ai danni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Anche se non è escluso che stiano avvenendo con il suo tacito consenso. Al netto di ciò, Forza Italia invece non ha preso bene questa strategia. “Matteo Renzi asserragliato a Palazzo Chigi continua sue consultazioni parallele. Scorrettezza istituzionale e costituzionale. Vada a casa!”, ha tuonato su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Incarico a Gentiloni, e già circolano i nomi di quelli che potrebbero essere i nuovi ministri. Quello che si formerà sembra essere un governo fotocopia. Tra i ministri che verranno fatti fuori c’è Stefania Giannini (che paga il prezzo della brutta buona scuola), mentre a forte rischio ci sono Giuliano Poletti e Beatrice Lorenzin. In bilico Maria Elena Boschi, che verrebbe allontanata in quanto titolare e grande sconfitta delle riforme. Qualche dubbio anche sulla permanenza di Marianna Madia alla Pubblica amministrazione. Luca Lotti, uomo di Renzi, potrebbe restare sottosegretario alla Presidenza.

Rate this post

(Visited 340 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento