Monti & Friends ci derubano ancora; in arrivo l’eurotassa

Monti & Friends. Bruxelles va avanti imperterrita, non curante di Brexit, di Trump, dell’avanzare di nuovi sentimenti. Sta mettendo a bersaglio un progetto nato nel febbraio del 2014 per costruire un’autonomia impositiva a favore dell’Unione europea. Un Gruppo di alto livello dovrà studiare come fornire la Ue di risorse proprie nel suo bilancio. Monti e soci si sono affrettati a precisare che «Non è una maniera per mettere nuove tasse ma per trovare nuovi concetti per finanziare le istituzioni». Una bella frase che messa in controluce odora del solito eurolessico, cioè di fregatura; le eurotasse, le metteranno eccome. Perché il progetto vero prevede un vero e proprio ministero del Tesoro, una autonomia fiscale tout court e un ulteriore ingabbiamento dei governi così da neutralizzare eventuali spinte anti-Ue dopo il successo della Brexit. Un successo, si badi bene, che sta smentendo le cassandre. Ricordate no? In caso di uscita dall’euro – dicevano – l’economia di Londra subirà perdita di posti di lavoro, la nostra economia subirà un disastro e balle di questo tenore. L’Europa si sta sfaldando sotto l’evidenza dei primi dati reali legati all’opzione «exit». I quindici anni all’insegna dell’austerità non hanno portato a nulla di buono. Il 2017 sarà un anno cruciale da un punto di vista elettorale: voteranno la Francia, la Germania, l’Olanda, forse l’Italia; in America Trump userà la luna di miele per mostrare il proprio passo, e in Gran Bretagna la Brexit entrerà nel vivo del suo procedimento burocratico. Insomma Bruxelles teme fortemente che anche a livello politico vi sia lo stesso raffreddamento di consenso già in corso tra i cittadini; questo rovinerebbe i piani delle lobby e dei tecnocrati che ad esse rispondono. Per questo il 2017 sarà anche l’anno cruciale del progetto «Un fisco autonomo per l’Europa», in grado di superare la fase attuale per cui sono i singoli Stati a conferire indirettamente l’obolo a Bruxelles. L’idea di avere un vero e proprio Bilancio europeo dunque costituirebbe un ulteriore stretta sulla sovranità dei Paesi membri. Le tasse europee, al di là dei giri di parole, arriveranno, e Bruxelles si comporterà coi governi centrali usando le stesse parole con cui oggi i governi centrali giustificano i tagli agli enti locali e al welfare: tagliate, gli sprechi sono sotto gli occhi di tutti. I giornali continueranno con le loro campagne di denuncia degli sprechi locali (siamo in pochi a guardare anche nelle schifezze che combinano le banche e Bruxelles) e la gente si convincerà che in fondo a Bruxelles hanno ragione. Così ci ritroveremo a pagare, cioè a mantenere, sia i nostri politicanti, che il baraccone europeo.

Rate this post

(Visited 702 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento