Fusione fredda a basso costo. L’Italia prova a scaricare l’inventore, il fisico Francesco Celani, dell’INFN di Frascati.

L’autonomia italiana dell’energia non piace alle Sette Sorelle petrolifere (nome simbolo, ormai storicizzato) e/o a qualunque gruppo di potere energetico di tipo oligopolistico, per cui quando annusano un pericolo in grado di poterli disturbare intervengono sui Governi, per cercare di stoppare qualsiasi ricerca che li possa contrastare.

intervista a cura di Roberto Casalena

L’ultimo tentativo di affossamento di una importante ricerca italiana, in sostituzione principalmente del petrolio, riguarda quella, in fase significativamente avanzata, del Dott. Francesco Celani, dell’INFN di Frascati. Tra l’altro Celani, con due altri Colleghi (uno Francese, l’altro Inglese), è stato due volte candidato al Nobel per la Pace per la metodologia operativa di realizzazione e diffusione delle informazioni negli esperimenti scientifici denominata LOS (Live Open Science): applicata sistematicamente per la prima volta ad esperimenti di tipo LENR. Si tratta della cosiddetta “fusione fredda” di storica memoria. Il nuovo e più attuale nome è LENR (Low Energy Nuclear Reactions) senza il costosissimo Palladio, dunque una vera rivoluzione che libererebbe tutti i Paesi dalla schiavitù del petrolio, che tra l’altro, è bene ricordarlo si esaurirà entro i prossimi 100 anni. Al Dottore, ma che ha anche insegnato in diverse Università, pur non essendo cattedratico, rivolgiamo alcune domande chiarificatrici sull’attuale situazione contro cui sta combattendo.

D. – L’autonomia italiana da petrolio ed energia sicuramente non piace affatto alle “Sette Sorelle” del petrolio e/o similari gruppi di potere in ambito energetico, per cui quando annusano qualcosa che potrebbe disturbarli intervengono pesantemente sui vari Governi. L’ultimo caso di tentativo di affossamento è la sua importante ricerca, a livello particolarmente avanzato, sulla fusione fredda a basso costo. Quanti miliardi di euro all’anno potrebbe risparmiare l’Italia, se dovesse essere ulteriormente perfezionata ed applicata la sua tecnologia nella vita di tutti i giorni dei Cittadini Qualunque?

R. – La risposta è più articolata poiché si avrebbe sia un risparmio immediato di tipo economico che un altro ritardato, ma forse ancor più importante, di tipo ecologico/ambientale in quanto dovrebbero essere significativamente ridotte le emissioni di gas a cosiddetto effetto serra, principalmente Anidride Carbonica (CO2), Metano (CH4) e numerosi idrocarburi fluorurati.

D. –  Ci risulta, come già anticipato in alcuni articoli di qualche tempo fa, che le abbiano bruciato, nel 2015, numerosissimi documenti tra cui le carte della sua ricerca. Ha fatto denuncia, e contro chi?

R. – Purtroppo l’episodio di cui sono rimasto vittima, avvenuto nel Febbraio 2015, è di una gravità inaudita dal punto di vista della etica e morale scientifica. Ancor più se il crimine viene perpetrato all’interno di un’area scientifica, provvista di guardie armate, da parte di un Dipendente Ricercatore dell’Istituto con la sostanziale complicità della Dirigenza. La scoperta del crimine, cioè la distruzione sistematica di tutta la documentazione scientifica in mio possesso, a partire dal periodo della Laurea, è avvenuta ad Aprile 2015 in quanto la documentazione era custodita in un locale di “appoggio”, una sorta di magazzino ad uso personale, abbastanza distante dal Laboratorio principale in cui effettuo gli esperimenti. Tale locale di appoggio, identificato con il nome di “baracca La Monaca”, era da me utilizzata sia per depositare la strumentazione/attrezzatura/materiali di consumo di uso poco frequente che di tutta la documentazione “importante” (anche di carattere riservato di Interesse Nazionale) in quanto custodita in armadi metallici chiusi a chiave alcuni dei quali a prova di fuoco. Dopo la scrittura di varie lettere alla Direzione dei laboratori e chiedere chiarimenti/indagini, sono stato costretto a sporgere denuncia, per reati civili e penali, alla Caserma dei Carabinieri di Frascati, città in cui era stato commesso il reato. La denuncia è stata estesa anche alla Corte dei Conti per distruzione dolosa di “Beni dello Stato”.

D. –  Perché il Direttore dell’INFN di Frascati vorrebbe mandarla in pensione, e non farle finire la sua ricerca così importante per il Paese e l’intera umanità?

R. – Forse sarebbe più corretto dire la “Dirigenza”, o meglio ancora una parte di essa. Il fatto del regolamento pensionistico attuale dei Ricercatori della Pubblica Amministrazione afferenti al MIUR, per alcuni aspetti è un “vulnus costituzionale” in quanto, pur con tipologie lavorative similari, i Professori Universitari hanno il limite superiore pensionistico a 70 anni mentre per i Ricercatori NON Universitari (ripeto entrambi appartenenti al MIUR), l’attuale limite é 66 anni e 7 mesi. Quindi io sono vittima dell’attuale regolamento poiché è prevista l’innalzamento, fino a 70 anni, anche per i Ricercatori non universitari che non abbiamo raggiunto i limiti inferiori contributivi. Io ho avuto la fortuna, poiché forse particolarmente “brillante”, di ottenere un posto di “Ruolo a tempo indeterminato” giovanissimo (a quanto mi dicono, sono stato il più giovane Ricercatore mai assunto da un Entel’Estero. Quindi, sono stato un “cervello in fuga” che non è fuggito. Di fatto, sono stato “punito” poiché ho avuto una posizione stabile dopo soli pochi mesi al conseguimento della Laurea in Fisica (Università. di Roma La Sapienza, votazione 110/110) con conseguenti versamenti contribuitivi di tipo pensionistico particolarmente elevati. Per concludere, la parte della Dirigenza a me avversa ha visto molto bene il fatto che io sia dovuto andare in pensione ponendo termine ad un tipo di lavoro a loro non gradito (per svariati motivi), anche se tale lavoro aveva , ed ha, i connotati dell’Interesse Nazionale, e non solo. A certi “personaggi” non interessa l’Interesse Nazionale o dell’Umanità ma unicamente il loro piccolo orticello da coltivare, con il pubblico denaro, senza intrusioni o critiche.

D. – Quali i sospetti politici o di governi che non vogliono il parto di una ricerca così importante?

R. – Il problema è complesso e quanto mai attuale. Nell’ipotesi, ottimistica, che la Nostra tipologia di Ricerca (in Italia e/o all’Estero) abbia successo in tempi non particolarmente lunghi, verrebbero danneggiati praticamente tutte le realtà economico/politico/industriali che si basano sul controllo della produzione energetica di tipo centralizzato. L’obiettivo finale delle ricerche LENR è la generazione di energia di tipo individuale/capillare, quindi produzione distribuita, per le necessità familiari (ciè 1-2 kW costanti, con l’immissione del surplus energetico in rete). Nella attuale società la disponibilità di energia elettrica è divenuta un bene primario irrinunciabile.

D. – Lei si è appellato anche al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni perché la sua ricerca possa andare a buon fine. Se ogni tentativo dovesse fallire, cosa pensa di fare?

R. –  Se anche tale appello, che ritengo lecito da parte di qualunque Cittadino Italiano in regola con le leggi dello Stato, non dovesse dare i frutti sperati, prevedo di richiedere l’aiuto di alcune forze Politiche che, al momento, non mi sembrano essere legate ai cosiddetti “Poteri forti”, almeno in ambito energetico.

D. – L’Economico è stato il primo giornale a denunciare gli insabbiamenti della sua ricerca. Ora, anche LaVerità, probabilmente grazie anche a noi, nel silenzio più assordante dei media, ha tirato fuori le unghie. Come mai un caso come il suo che dovrebbe essere sulle prime pagine dei giornali ed in TV, invece, viene del tutto trascurato?

R. – Indubbiamente il vostro simpatico giornale on line, anche per merito del Colonnello Alberto Zei a cui mi lega una lunga amicizia ed assonanza di intenti riguardo i drammatici problemi di inquinamento ambientale, ha avuto il merito di “smuovere le acque”. Sono felice di informarVi che anche la televisione web “Pandora TV” ha seguito il Vostro esempio. Tale televisione, unicamente on-line per limiti di budget, ha la caratteristica di una elevatissima indipendenza di giudizio e di seguire con particolare attenzione le problematiche energetiche, in tutte le loro sfaccettature. Inoltre, e non guasta, ha un bacino di utenti molto vasto: circa 1 milione. Sono fiducioso che altre realtà mediatiche si accoderanno, seguendo il Vostro esempio.

Fusione fredda a basso costo. L’Italia prova a scaricare l’inventore, il fisico Francesco Celani, dell’INFN di Frascati.
4 (80%) 1 vote

(Visited 101 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento