No alla distruzione del laboratorio di Francesco Celani

Cari Colleghi, la Cittadina Italiana Laura Vantini, da oltre 30 anni attiva nelle problematiche inerenti lo sviluppo di energia a basso impatto ambientale, si è fatta promotrice di una raccolta firme, tramite il sito change.org, per evitare che il Laboratorio di Ricerca in cui conduco ESPERIMENTI di tipologia LENR (Low Energy Nuclear Reactions) da circa 28 anni, venga smantellato ed il suo contenuto disperso, prendendo come pretesto il fatto che dal 1 Ottobre 2017 sono stato messo in pensione per raggiunti limiti di età (anche contributiva).

Il nome del sito di change.org è riportato in calce:

No alla distruzione del laboratorio di Francesco Celani.

* Tra l’altro, dal punto di vista puramente legale, vi è una disparità di trattamento per il limite di età pensionistico poiché i Professori Universitari possono andare in pensione a 70 anni mentre i Ricercatori degli Enti pubblici di Ricerca, alla data attuale, hanno tale limite posto a 66 anni e 7 mesi.
Entrambi le figure appartengono allo stesso Ministero e svolgono lo stesso tipo di lavoro: Ricerca (a tempo parziale) i Professori Universitari, Ricerca (a tempo pieno) i Ricercatori afferenti al MIUR NON Universitari.
Da persona di semplice “buon senso”, ritengo che tale disparità sia (da svariati anni) un “vulnus costituzionale”: potrebbe essere semplicemente sanato immediatamente e con effetto ovviamente retroattivo, dando la POSSIBILITA’, non l’obbligo, ai Ricercatori NON universitari, di avere lo stesso limite dei loro Colleghi universitari. Quindi una semplice comunicazione al dirigente di turno di avvalersi di tale opzione.

* Tornando al “core” della petizione, dal 2011, negli esperimenti di tipo LENR, sto cercando di sostituire al costoso e raro Palladio (finora il materiale di elezione per le sue eccellenti proprietà intrinseche riguardo la dissociazione dell’Idrogeno (o Deuterio) e suo successivo assorbimento sia superficiale che massivo all’interno), con una lega a basso costo e largamente diffusa (Costantana, lega di Rame e Nichel).
Tale materiale è stato da Noi opportunamente “condizionato” per renderlo adatto agli scopi delle LENR.

* Finora tutte le complesse procedure per ottimizzare il condizionamento sono state rese pubbliche, senza alcun vincolo brevettuale, anche in accordo alla etica della Live Open Science (LOS) a cui ho aderito dal Luglio 2012.
La metodologia LOS ed i loro propositori sono stati oggetto di candidatura al Premio Nobel per la Pace nel 2014 e 2015.

* Il lavoro che sto svolgendo, con i miei più diretti Collaboratori nei Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN, è sì in uno stadio avanzato ma NON si può ritenere concluso: l’obiettivo finale è la realizzazione di un prototipo da far industrializzare principalmente dalle varie ditte Italiane con cui collaboriamo da tempo, unitamente ad alcune realtà scientifico-Industriali del Giappone con cui abbiamo un proficuo rapporto di collaborazione PARITETICA a partire dal 1992.
Ovviamente, nel caso di un successo anche tecnologico/commerciale, opportuni accordi dovranno essere stipulati per ottimizzare la produzione ed utilizzo del “nuovo reattore” a basso impatto ambientale, nell’ottica dell’Interesse Nazionale (di tipo economico e strategico).

* Una recente relazione, a carattere DIVULGATIVO ed in lingua Italiana, che cerca di fare il punto della situazione, è stata da me tenuta al recente (28 Agosto-1 Settembre) 31° Corso AIRM (Associazione Italiana di Radioprotezione Medica) che si è tenuto a Bressanone.
Il documento è di libero accesso in rete, basta digitare: 31° AIRM Celani
In caso di difficoltà il codice DOI (generato dal notissimo “repository” di articolo scientifici Research Gate) è:
DOI: 10.13140/RG.2.2.13412.07044

di Francesco Celani.

Spero di averVi convinti, quindi, se volete, firmate l’appello indirizzato a:

Presidente della Repubblica Sergio Mattarella; Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni; Ministro della Pubblica Istruzione Valeria Fedeli

Ovviamente, sarei molti felice se tale messaggio venisse inoltrato anche ai vostri Colleghi e/o conoscenti.

Rate this post

(Visited 29 times, 1 visits today)

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento