Il Qatar a caccia di ospedali italiani di eccellenza. Ora nel mirino il Gemelli

Ora nel mirino anche il Gemelli di Roma , dopo l’acquisto dell’ospedale sardo Mater Olbia ( 1,2 miliardi) . Perché un ospedale di eccellenza, oltre che render bene da anche la possibilità di poter effettuare scambi con altri principali ospedali esteri e centri di ricerca collegati.

di Roberto Casalena

Tant’è che per lo sviluppo dell’ospedale di Olbia , i primi 100 assunti dovranno parlare correttamente due lingue.

E la Sanità italiana è piena di eccellenze, come è anche piena di imboscati e nulla facenti, come troppo spesso accade per i medici di base , lavativi, senza responsabilità, e senza controlli, pur toccando cifre da capogiro, tra stipendio ed indennizzi vari ( anche oltre 10 mila euro al mese).Fatto è che la ministra Lorenzin , ha tagliato drasticamente nel settore della Sanità, ad iniziare dai posti letto e medici specialisti , per cui il pronto soccorso è al collasso . Per cui capita sempre più spesso, a partire da Roma, in testa, che non ci siano posti dove ospitare i malati, ne medici sufficienti per curarli.


Infine non si programmano ne si costruiscono nuove strutture ospedaliere, per cui si assiste anche allo scandalo dell’ex Forlanini (attaccato al S. Camillo) che invece di essere ricostruito lo si lascia nel degrado più totale, come dormitorio per i senza fissa dimora oltre che per cani e gatti abbandonati.

Ed a forza di tagli del personale sanitario, capita che al S. Spirito di Roma, se un ricoverato ha problemi con naso ,orecchie o gola, non può essere visitato, perchè l’otoringoiatra non c’è. E’ presente solo due ora la mattina dalle 8 alle 10, poi si fa il giro di altre strutture sanitarie. Come anche al Fate Bene Fratelli, dove lo specialista in questione non esiste, ma sull’urgenza c’è sempre qualcuno che viene. Questo “parto” scriteriato per far ammalare definitivamente la Sanità pubblica, oltre alla Lorenzin, porta anche la firma di Zingaretti.

E così, per esempio, le strutture dei pronti soccorso gravano tutte su medici insufficienti all’accoglienza . E per dare l’idea di che cosa stiamo parlando, al S. Spirito , i medici addetti al pronto soccorso sono in tutto cinque, con una media di 120 pazienti al giorno . Di questo passo si potrebbe andare avanti nella descrizione dei misfatti della Sanità pubblica, che così viene diretta tra le braccia di quella privata.

Rate this post

(Visited 141 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento