Elettricità: occhio alle telefonate di finte società demoscopiche che vogliono carpire informazioni

Elettricità: occhio alle finte società che intendono carpire solo vostre informazioni. Ecco perché.

di Roberto Casalena

Dunque, se si è cambiata utenza, in fretta, perché l’ente erogatore di energia elettrica e gas, ha richiesto un maxi conguaglio, inviato dopo un anno (e se non si paga entro 15 giorni staccano l’elettricità) immotivato, in quanto i contatori sono online, accade che si è costretti a pagare, a meno che non si cambi velocemente il gestore , e sempre che non si abbiano i pagamenti effettuati tramite banca.

Per cui il vecchio gestore cercherà in tutti i modi di provare a recuperare il credito, di cui però non ha diritto.
Ma perché la richiesta di un conguaglio non dovuto? Perché il gestore, all’inizio invia bollette accattivanti, per far si che il nuovo cliente non scappi subito, ben sapendo che le bollette sono presunte e non reali, perché non sono stati letti i consumi online.

Cosa c’è dietro? Vediamo:
Facciamo un esempio concreto: l’Acea, a Roma, su circa 3 milioni di utenze ne controlla online solo 1,5 milioni, cioè la metà, perché i calcolatori della società non sono sufficienti a sopportare tutto il carico dei dati. E così accade che , dopo un anno, quando si va a leggere il contatore in casa dell’utente, arriva la batosta del conguaglio.

La prima cosa da fare , quando giunge la richiesta, cambiare subito società di gestione, entro 15 giorni, in modo tale che l”elettricità non potrà essere più staccata. Poi , inviare lettera raccomandata, in cui si spiega che non si pagherà un bel nulla, in quanto il contatore è gestito online, e quindi la colpa del conguaglio è solo da attribuire all’ente erogante.

Ma capita anche che alcuni enti di elettricità, per non dover emettere, poi, conguagli, si premuniscano, facendo pagare bollette più salate, da subito.
Infatti molte società di gestione dell’elettricità, sono agganciate all’ultimo chilometro con società terze , come per esempio Acea su Roma, che non invia le reali letture mensili dei consumi. Così accade, che alla fine sarà la società a pagare il conguaglio all’utente.
Solo, che, però, si aggiunge un’altra losca manovra, perché sul conguaglio dovuto all’utente, si rimborsa solo la parte del consumo di elettricità, che incide per un terzo sul valore della bolletta.

E dato che la normativa approvata dal governo Renzi ( ma guarda caso),prevede che la richiesta di conguaglio inevasa possa essere richiesta alla nuova società dell’utente, pena il distacco dell’energia elettrica,ecco giungere fantomatiche telefonate da parte di società demoscopiche, con l’intento di capire quale sia il nuovo gestore dell’utente.
Dunque, se vi dovesse capitare, attaccare subito il telefono , senza dare alcun ragguaglio. Dietro le richieste di dati ci sono avvocati cacciatori di teste, per il recupero dei conguagli inevasi.

Insomma, un losco labirinto in cui sarebbe il caso che sia l’Antitrust che le associazioni dei consumatori dovrebbe mettere il naso.

Rate this post

(Visited 81 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento