Il discusso ruolo delle vitamine C e D nella attuale pandemia

La forza incontenibile dell’emotività umana sovrasta la nostra ragione anche quando si tratta di salute

di Alberto Zei

La forza dell’emotività
Come sosteneva il grande filosofo napoletano Giambattista Vico:
“Gli uomini prima sentono senza avvertire, dopo avvertono con animo perturbato è commosso, poi finalmente riflettono con mente pura”

Anche in tema di salute, quando le informazioni arrivano dal giornalista Adriano Panzironi non si sottraggono al pregiudizio dei più, fintanto che le persone avvertono “con animo perturbato” dall’emotività dei messaggi viscerali di certi personaggi per demonizzare chi osa interferire nel dominio della nomenclatura imperante. Ciò avviene anche quando non si intravede all’orizzonte alcun rimedio farmacologico o vaccinale per sottrarci dalla contaminazione dell’ attuale pandemia che seguita a seminare l’apprensione che tutti quanti avvertiamo.

Quando il rimedio manca
Era stato già precisato in un nostro articolo precedente che non essendoci ancora nel mondo alcun rimedio farmacologico atto a debellare questa infezione virale, non restava che ricorrere al nostro organismo per trovare all’interno di questo le risorse naturali per contrastare il coronavirus.
Si tratta del più importante sistema di difesa vitale, chiamato “immunitario” che sin dalla nascita l’organismo potenzia in modo naturale, usando mirabilmente le nostre stesse risorse, con un risultato eccellente anche per la predisposizione all’ulteriore autoapprendimento nel corso della vita. Questa prodigiosa dotazione naturale ha lo scopo di far fronte con gli anticorpi che il sistema riesce a creare, agli antigeni, ossia a quelle sostanze organiche ostili, tra cui batteri e virus, che gli stessi anticorpi riconoscono come i “nemici da abbattere”.
Perché ciò avvenga almeno nella maggior parte dei casi, è necessario che il sistema immunitario si mantenga in buona efficienza. Ora, senza entrare nei particolari di funzionamento che qui non interessano, per ogni aggressione infettiva che subiamo il sistema immunitario apporta alle difese organiche le risorse di un vaccino naturale che reagisce con sorprendente rapidità.

Il ruolo delle vitamine C e D

Se il sistema è già sbilanciato da altre malattie in atto mentre contribuisce al ripristino dello stato di salute, certamente non è nella migliore condizione di intervenire per quelle successive, essendo le risorse organiche, umanamente limitate.
Gli elementi essenziali all’ottimizzazione delle risorse del sistema immunitario, sono di vario genere più o meno complesse, ma vi sono due elementi di facile somministrazione e di assimilazione senza controindicazioni di sorta, a meno che se ne faccia un abuso. Si tratta della vitamina D e della vitamina C anche se da varie fonti si afferma specie per la vitamina C che pur superando di molte volte il fabbisogno, viene eliminata con le scorie organiche, senza effetti collaterali. Per quanto riguarda la vitamina D, generalmente carente nell’organismo, se viene assunta quotidianamente, senza superare i limiti prescritti, questa coadiuva efficacemente, insieme alla vitamina C, il sistema immunitario al ristabilimento delle risorse indebolite.
È attuale una precisazione su Internet estratta da un intervista al Premio Nobel per la medicina, Luc Montagnier, di cui si riporta qui un passaggio.
“Montagnier ha ribadito le sue osservazioni critiche sulle vaccinazioni a oltranza sostenendo che ci sono altre soluzioni per potenziare le capacità del sistema immunitario degli esseri umani. Ad esempio una buona difesa, quindi utile anche contro il coronavirus, si ha assumendo vitamina C e D e in generale prendendo tutto ciò che combatte i processi ossidanti che mandano in crisi il sistema immunitario”.

La forza del pregiudizio
Questo stesso argomento era stato portato alla ribalta dell’intrattenimento domenicale in TV7 condotto da Giletti dal nome eufemistico “Non è l’ Arena”, in cui i vari personaggi, medici, biologi ed altri ancora, rigorosamente schierati contro Panzironi, erano piuttosto impegnati al linciaggio mediatico più che alla occasione di esprimersi in modo scientifico per l’accertamento della verità sulla salute dei cittadini.
L’attacco non ha risparmiato l’aspetto qui trattato, secondo cui Panzironi si sarebbe permesso di indicare, come detto, la vitamina C la vitamina D come utili sostanze, senza controindicazioni di sorta; sostanze che potrebbero rafforzare le difese immunitarie contro il coronavirus.
D’altra parte, continuare a rispondere con il pretesto di una domanda mal posta, che la vitamina C e D non combatte il coronavirus, è come affermare il vero mentendo. Infatti le due vitamine non hanno la diretta azione di un farmaco contro il virus ma rafforzano per una serie di azioni indotte il sistema immunitario, l’unico che al momento è in grado di opporsi naturalmente all’aggressione virale.
E allora perché insistere fino al livore, che la vitamina C e la vitamina D non servono a niente contro il coronavirus, privando della corretta informazione chi potrebbe avvalersene?
Ma dal coro delle risposte indirizzate a Panzironi, è sembrato che con una affermazione di questo genere, egli abbia osato sfidare le forze primordiali della natura, rappresentate dalla nomenclatura che attualmente domina l’informazione, la politica e l’ economia del nostro Paese.

La forza di 160 miliardi di euro
L’ attuale sistema terapeutico nazionale che gestisce tra pubblico e privato, 160 miliardi di euro ogni anno e a cui Panzironi osa opporsi, non intende tollerare le intrusioni di un giornalista senza laurea in medicina e neppure rischiare che questi possa dire cose giuste.
Da come attualmente stanno le cose, si può facilmente prendere atto che di fronte all’impotenza del mondo nel tempo di ricerca di un antidoto farmacologico all’infezione del coronavirus, oltre a non farsi contaminare per diretto contatto, la difesa che resta è quella del sistema immunitario che consente, in mancanza di un farmaco che ancora attendiamo, di riuscire a contrastare efficacemente l’aggressione virale.
È quindi essenziale che il sistema si trovi nella migliore delle condizione per rispondere al virus attraverso i propri anticorpi.
Ma se per migliorare tale possibilità è quanto mai opportuna e provvidenziale la assunzione dell’innocua vitamina C, unitamente alla vitamina D, si lascia ai lettori trovare i giusti termini per definire il comportamento di coloro che, preferiscono criminalizzare Panzironi, piuttosto che concordare con lui sull’ uso indicato delle due vitamine.
Ma quanto giova ai cittadini in attesa di farmaci adatti al coronavirus, sentirsi dire che l’ uso delle due vitamine non serve a niente, poiché a sostenerne da lungo tempo l’ utilità è stato un giornalista?
Viene in mente la storiella di quel marito …

(Visited 227 times, 1 visits today)

Comments

comments

Lascia un commento