Vai a…
L'Economicosu Google+L'Economico on LinkedInL'Economico on TumblrL'Economico on PinterestRSS Feed

21/02/2017

banche

Mediobanca da horror. L’ex salotto buono del capitalismo italiano non è più credibile

Altro che salotto buono del capitalismo italiano. Nel 2016 Mediobanca ha collezionato solo cocenti sconfitte che ne hanno fatto precipitare la credibilità e ulteriormente compromesso il ruolo nella finanza italiana. L’ultima delusione è venuta da Siena dove Mediobanca era advisor del Monte dei Paschi insieme a JP Morgan per l’aumento di capitale da 5 miliardi.

Risparmiatori sul lastrico. Lo Stato presenta il menù tossico di nuove Poste Spa

Risparmiatori sul lastrico. Dopo la parziale privatizzazione nel 2015, del 35% di Poste Spa sul mercato libero, con un incasso di 3,5 miliardi, ora, l’Italia deve tagliare il suo debito pubblico per non incappare nella rete delle procedure europee, e molti esponenti del governo, e del Tesoro in particolare, dal ministro per lo Sviluppo Carlo

Ricapitalizzazione Unicredit: silenzi, sospetti, e poche garanzie. Un flop annunciato

Nulla trapela sulle reali intenzioni delle banche che assistono Unicredit nella ricapitalizzazione da 13 miliardi. Si sa solo che le Fondazioni bancarie italiane  detentrici di circa il 9% del capitale, scenderanno al 5-6%. E se gettano la spugna loro, qualche valido motivo ci sarà pure. I principali azionisti di Unicredit sono: 1. Capital Research and

Dramma Unicredit: titolo a picco. 4° aumento di capitale dal 2008. Panico tra i correntisti

Dramma Unicredit: titolo a picco. Sarebbe il quarto aumento di capitale a partire dal 2008. Uno sport in cui Unicredit sembra “primeggiare”. Appare chiaro che sia gli azionisti, soprattutto i piccoli, ed i correntisti si stiano sfilando a gambe levate, e già, perché in due giorni tra ieri ed oggi (31 Gennaio 2017) il titolo

L’Oro di Bankitalia non è più del popolo italiano. Un furto da 120 mld. Ecco i responsabili

Ancor oggi, nel 2017, non si sa dove sia finito l’oro di Bankitalia, valore stimato circa 120 miliardi di euro, pari a 2541 tonnellate, una goccia rispetto a quello posseduto dallo Stato Vaticano, 60.350 tonnellate, primo al mondo, quasi 8 volte quello posseduto dagli Usa. Avete capito bene? Ma non compare nemmeno nelle classifiche dei

A colpi di tassi usurai e mutui truffa, IntesaSanPaolo tenta la scalata a Generali

Così fan tutte. Pluricondanne al sistema bancario italiano, reo di usare tassi usurai su prestiti, e truffare sui mutui concessi. Non stiamo qui a elencare tutte le condanne già passate in giudicato, oltre quelle in fieri. Ci vorrebbe una intera enciclopedia. Elio Lannutti, Presidente di Adusbef denuncia che la maggior parte dei prestiti, e mutui

Tragedia Banca Carige. Titoli quasi azzerati. I risparmi di una vita razziati. Incombe il bail in

Tragedia. Oggi analizziamo il titolo azionario, banca Carige, perché la situazione di prezzo non fa presagire nulla di buono. Il titolo ha perso ancora molto in borsa andando a fare nuovi minimi storici assoluti. La società, in relazione al forte crollo dei prezzi, ha affermato che non ci sono ragioni di tale discesa, che di

Abisso Poste. Prodotti carta straccia, e l’inganno sui prestiti. Clienti sull’orlo del baratro

Abisso. Poste si sta impegnando a fondo per esser fuori dal mercato. Ormai, la Spa si sta lentamente ritirando dal mondo della distribuzione, tant’è che numerose società private hanno ottenuto appalti nel settore che prima erano di competenza esclusiva di Poste italiane, da parte di primarie società, a partire da quelle energetiche, per la consegna

Appalti sospetti nei servizi di consegna bollette, e multe. Ritardi per penalizzare gli utenti

Appalti sospetti. Negli ultimi anni Poste Spa in maniera alquanto bizzarra, perde colpi sul fronte della consegna di bollette e multe. E perché lascia campo libero a mani private? Tutto ruota attorno ad appalti giocati a prezzi di favore, attraverso i quali società private, sono libere di espandersi senza freni e controllo. Ma l’altra faccia

Post più vecchi››