Istituti di credito ingranaggio monolitico

monolite-kubrickIstituti di credito sempre più “imbalsamati””, infatti, non effettuano microcredito, non recepiscono la normativa sui prestiti vitalizi, non riescono a tramutare un prestito rateizzato in una rata unica (ad esempio di fronte alla constatazione della vendita di un immobile), sospensione delle rate di fronte a motivazioni valide, assenza di debordo sullo scoperto dei c/c, uso indiscriminato di tassi usurai. In­somma, tutta una serie di lacune che andrebbero colmate. Per quanto riguarda il piccolo credito nel settore alimentare, sempre più commercianti lo erogano, e senza interessi. Il cliente, se conosciuto dall’esercente, può acquistare i prodotti, fino alla fine del mese, per poi ripianare il debito. Un servizio di piccolo credito che nessuna banca attua, trinceran­dosi dietro gli accordi stipulati a Basilea 1,2,3 e 4, affermando di avere le mani legate su alcune ti­pologie di offerte di credito, noi in maniera ilare affermiamo anche i piedi. Nel frattempo, non si spiegano le tante sofferenze che hanno (200 miliardi, ed oltre 180 miliardi di crediti in stand by) ne la loro provenienza. Al contempo si assiste attoniti a prestiti che non dovevano affatto esser conces­si, non ultimi i casi delle quattro banche di recente assurte alla cronaca, che sono state saccheggiate sulla pelle di piccoli e medi azionisti ed obbligazionisti. Il sistema bancario è lapalissiano, non fun­ziona al passo con i tempi, persino i direttori dei filiale non hanno più alcun potere sui presti­ti, e sono diventati solo dei passacarte per le direzioni centrali, ove il cliente è solo un fascicolo. Per rendere bene l’idea delle conseguenze delle ratifiche di Basilea, e quindi delle responsabilità UE, facciamo un esempio esplicativo: se un cliente chiede un prestito di 30-40.000 euro, con garanzia di un immobile da vendere, la banca fa orecchio da mercante. E’ contemplato il sistema delle rate. Dunque a contare è solo il reddito da lavoro o pensione. Il divenire si è fermato in banca, mentre il governo sostiene che si stia procedendo nel verso giusto. Ma è una barzelletta ? Infine, ci sono casi eclatanti di tassi usurai, che la banca applica senza ritegno non arretrando sui suoi passi. Il creditore per difendersi è costretto a delegare un avvocato del settore per poi ricorrere ad un giudice. Negli ultimi anni, e questo lo diciamo con soddisfazione, si sono moltiplicate le sentenze sfavorevoli alle banche, il che la dice lunga sul loro operato.

Di Roberto Casalena

Comments

comments

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento