“Abolizione della proprietà privata”? Il Forum Mondiale della Economia di Davos resuscita Karl Marx e Friedrich Engels

Non tutti sanno che, oltre ai partiti comunisti, anche il WEF – World Economic Forum (Foro Economico Mondiale) – fondato 50anni fa  dal tedesco Klaus Schwab, e che ogni anno riunisce la cosiddetta élite ovvero 2.000 tra  governanti, banchieri e  miliardari a Davos in Svizzera, persegue l’abolizione della proprietà privata nel 2030, ovvero l’ideologia comunista di Marx ed Engels.
Sono 8 le previsioni del manifesto del WEF di Davos: la prima è quella secondo cui “le persone non possederanno nulla”.

“Proprietà e Privacy non contano”, L’articolo è stato rimosso.
L’articolo, della  parlamentare danese Ida Auken, spiega la sua ricetta per la felicità nel 2030:
“Non possiedo nulla. Non possiedo auto, casa, elettrodomestici né vestiti. Tutto ciò che prima era un prodotto, ora è un servizio. Non ho privacy. Non posso andare in nessun luogo senza essere registrata”.
Ovviamente, le cose che ora sono nostre, saranno dello “Stato”: secondo quale criterio lo Stato ce le darà in affitto o prestito? “Secondo un sistema di punti di credito sociale” (parere del tedesco prof. Antony Mueller). Sistema usato in Cina.

Incredibile come il comunismo, uscito dalla porta, rientri dalla finestra di un consesso di potenti e miliardari che, certo, non si affittano un monolocale o una roulotte o gli abiti che indossano.

l'ECONOMICO

L'Economico, il primo quotidiano Social Network, sviscera in anteprima notizie di sanità, economia, politica argomenti che i mass media oscurano. La testata è aggiornata, e presenta al suo interno un portale in grado di offrire servizi.

Lascia un commento